Infissi in legno

Quante sono le tipologie di infissi tra cui è possibile scegliere? Partiamo col dire che esistono due diverse modalità di classificazione degli infissi: il materiale utilizzato per fabbricarli e il sistema di apertura. In questo articolo analizzerò le diverse tipologie di infissi secondo entrambi i criteri di classificazione.

Infissi in alluminio

Realizzare degli infissi in alluminio significa dar modo agli acquirenti di fare una scelta funzionale ed elegante. Si tratta infatti di un materiale noto per la sua solidità e resistenza, ma anche perché leggero e capace di durare per tempi considerevoli. L’alluminio può sopportare egregiamente l’azione degli agenti atmosferici senza che il consumatore sia costretto ad una continua manutenzione.

Gli infissi in alluminio, specialmente se combinati con precise tipologie di vetrature, permettono di ottenere un ottimo isolamento termico ed acustico dagli ambienti esterni. Ciò è vero soprattutto se vengono realizzati a taglio termico.

Gli infissi di alluminio a taglio termico consentono di ridurre fenomeni di dispersione garantendo a chi li possiede un notevole risparmio energetico. Si pensi che le moderne politiche di tutela dell’ambiente riconoscono un sussidio statale a chi decide di installare questi infissi. In questi casi si può aver diritto infatti ad una detrazione pari al 65% da riscuotere al momento della presentazione della propria dichiarazione dei redditi.

Tali infissi infine possono tranquillamente soddisfare tutte le esigenze di sicurezza e pregio estetico normalmente richieste dagli utenti.

Infissi in PVC

Gli infissi in PVC sono i più economici in assoluto, ma questo non significa che non siano comunque degli oggetti qualitativamente validi. Tale materiale si caratterizza per una lunga aspettativa di vita, per una considerevole resistenza e per la capacità di sopportare l’azione degli agenti atmosferici.

I serramenti in PVC non richiedono alcuna manutenzione, sono semplici da pulire, controllano in qualche modo la temperatura interna degli ambienti e sono personalizzabili per colori, forme e caratteristiche estetiche in genere.

Infissi in legno

Gli infissi in legno sono probabilmente i più apprezzati, almeno dal punto di vista estetico. Essi infatti si caratterizzano per quella speciale sensazione di raffinatezza e calore che solo questo materiale sa dare.

Il problema però è che gli infissi in legno richiedono manutenzione perché il legno è parecchio deformabile. Per questo motivo ormai da tempo viene lavorato con tecnologia lamellare che gli permette di acquisire una certa indeformabilità.

Infissi: i diversi sistemi di apertura

Gli infissi si differenziano anche per il loro sistema di apertura. Il più classico e diffuso tra essi è il sistema di apertura a battente. In questo caso le ante della finestra possono essere aperte verso l’interno o l’esterno dell’abitazione. Richiedono in genere una scarsissima manutenzione e sono molto semplici da pulire.

Adatta agli ambienti un po’ più angusti è la finestra con apertura scorrevole che utilizza telai incanalati in appositi binari che permettono all’anta di scivolare.

Nel caso di apertura a vasistas o a ribalta, l’anta si apre obliquamente sfruttando quindi una superficie maggiore in corrispondenza della parte più alta della stessa. Inutile dire però che la circolazione dell’aria è notevolmente ridotta.

Gli infissi con apertura a bilico montano dei cardini sul telaio in senso verticale e orizzontale.

Gli infissi con apertura sali scendi sfrutta un paio di ante capaci di scorrere verticalmente. Grazie ad una corda di collegamento, può contemporaneamente spingere la parte alta verso il basso e viceversa.

Gli infissi con apertura a libro sono simili ad una porta a soffietto. Questo sistema permette di risparmiare degli spazi considerevoli o di valorizzare notevolmente un ambiente.

Costi degli infissi

E’ chiaro che, data la varietà di infissi ad oggi presenti sul mercato, non è possibile stabilire quale possa essere il loro prezzo o quanto possa costare sostituire i vecchi serramenti di casa.

In base alle diverse combinazioni di materiali e sistemi di apertura, alle metrature necessarie ed alla qualità dei vetri da installare, un unico infisso può avere un costo compreso tra i 500 ed i 1500 euro. In linea generale il materiale in assoluto più economico è il PVC, segue a ruota il legno e quindi l’alluminio.

Per avere delle stime precise conviene sempre chiedere dei preventivi alle varie aziende e confrontarli quindi autonomamente prima di affidare il lavoro ad una ditta piuttosto che ad un’altra.