Le persiane svolgono un ruolo importante in ogni edificio, in quanto servono a proteggere gli interni dal sole e dalle intemperie, consentendo comunque il passaggio della luce attraverso le stecche. Sebbene il legno sia il materiale più comune per le persiane, sempre più spesso vengono utilizzati materiali diversi come alluminio, PVC e ferro.

Quando si sceglie il colore delle persiane, è importante fare attenzione affinché non si comprometta il decoro architettonico di un condominio o di un palazzo.

La scelta del colore può dar luogo a controversie

Le persiane vengono utilizzate sia nelle unità immobiliari ad uso esclusivo che nelle parti comuni, come ad esempio le abitazioni del portiere e le scale. Poiché sono elementi che si integrano nella facciata dell’edificio, possono influire sul decoro architettonico. Questo decoro può essere definito, secondo la Corte di Cassazione, come “l’insieme di linee, anche se molto semplici, che caratterizzano l’estetica dell’edificio contribuendo a renderlo esteticamente gradevole” (Cass. n. 851/2007).

In particolare, il colore delle persiane può essere un elemento determinante nelle controversie riguardanti l’alterazione dell’estetica dell’edificio. Ciò significa che la scelta del colore delle persiane può avere un impatto significativo sull’aspetto complessivo della struttura condominiale in cui si vive.

Il decoro architettonico è considerato un bene comune, ma non tutti gli elementi che lo compongono sono di tale natura. È possibile che gli elementi che contribuiscono alla configurazione estetica dell’edificio siano di proprietà esclusiva, come nel caso delle persiane. Vediamo quindi quali sono le differenze.

Nel condominio è necessario evitare di deturpare l’edificio

Per le persiane che servono le unità immobiliari ad uso esclusivo, non ci sono dubbi sulla decisione indipendente del proprietario riguardo al loro colore. Tuttavia, quando le persiane sono integrate in un elemento di proprietà condominiale, come la facciata, è necessario considerare l’articolo 1122 del codice civile, che specifica che “gli interventi sulle parti a proprietà esclusiva devono avvenire senza compromettere il decoro architettonico dell’edificio”.

Pertanto, la scelta del colore adeguato delle persiane diventa fondamentale per preservare il decoro architettonico del condominio. Se le persiane sono già installate e si desidera cambiarne il colore, è importante considerare l’aspetto estetico generale dell’edificio e cercare di mantenere un certo equilibrio.

L’alterazione del colore delle persiane potrebbe essere considerata un deturpamento dell’edificio. Ad esempio, se il palazzo ha una facciata di colore crema e le persiane sono tutte verdi, sarebbe meglio evitare di scegliere persiane di colore azzurro, poiché una variazione di colore potrebbe deturpare l’edificio.

Tuttavia è necessario valutare la situazione generale e considerare l’impatto che il nuovo colore avrà sull’aspetto estetico complessivo. È inoltre importante prendere in considerazione le regolamentazioni locali riguardanti il colore delle persiane.

Come scegliere il colore delle tapparelle

Dopo aver esplorato le questioni legislativi andiamo alla parte pratica e vediamo come scegliere il colore delle tapparelle.

Prima di addentrarci in queste informazioni, fornite da Mavis srl azienda esperta di tapparelle a Udine (https://www.tapparellemavis.it), potresti anche leggere l’articolo “Come scegliere il colore di porte e finestre”. Quando ci si appresta ad acquistare una nuova casa o si è nel bel mezzo di una ristrutturazione, le decisioni da prendere e le scelte da effettuare sono molteplici.

Tra queste, una delle decisioni più significative riguarda la scelta del colore delle tapparelle, un elemento che può influenzare notevolmente l’aspetto finale dell’abitazione.

La corretta tonalità delle finestre e delle tapparelle è fondamentale, poiché l’accostamento di questi elementi contribuisce in modo significativo all’estetica complessiva dell’edificio. È essenziale che il colore delle persiane valorizzi l’aspetto della casa e rispecchi lo stile che si è scelto di conferire all’edificio.

Nella presente guida, vogliamo fornirvi gli strumenti necessari per prendere decisioni informate sulla scelta del colore delle tapparelle, senza timore di fare abbinamenti errati.

Prima di procedere con la scelta del colore, è importante considerare alcuni fattori ambientali. Ad esempio, se la zona in cui si vive è particolarmente inquinata o vicina a una strada polverosa, è consigliabile evitare colori chiari come bianco o crema, poiché tendono a sporcarsi facilmente.

In condizioni simili, tonalità intermedie come grigio, mattone, tinta legno, verde, azzurro e tortora sono preferibili. Allo stesso modo, in zone molto calde e esposte al sole intenso, è meglio evitare colori scuri che attraggono il calore, optando invece per tonalità chiare come bianco, beige, grigio chiaro e colori intermedi.

Ci sono anche alcune regole generali da seguire nella scelta del colore delle tapparelle. Ad esempio, è consigliabile limitare il numero di colori utilizzati sulla facciata, cercando di abbinare al massimo tre tonalità tra loro.

L’osservazione degli abbinamenti di colori delle case circostanti può essere un valido punto di partenza per capire l’effetto finale desiderato. Inoltre, le tapparelle di colore chiaro tendono ad ampliare visivamente le finestre, mentre colori scuri le fanno apparire più piccole.

Se si vive in un condominio, è consigliabile scegliere tapparelle con un colore simile a quelle già presenti per preservare l’armonia architettonica della facciata.

Considerando lo stile della casa, si possono fare scelte più mirate. Per una casa classica con elementi tradizionali, si possono optare per colori come verde scuro o marrone scuro.

Le case rustiche con pareti in pietra o mattoni possono beneficiare di tapparelle in legno o alluminio con finiture legno, nei colori grigio pietra, rosso mattone o marrone. Per le abitazioni moderne, la scelta del colore delle tapparelle può essere più libera, spaziando da bianco e colori neutri come grigio e sabbia a tonalità più accese come il rosso, l’azzurro, il blu e il verde.

Le tendenze del momento, infine, suggeriscono l’utilizzo di tonalità di grigio, colori metallizzati, tinte Raffaello con effetto puntinismo elegante e colori neutri ispirati alla terra. Il bianco rimane sempre attuale, adattandosi a contesti moderni o creando impatti visivi interessanti su facciate colorate.